Newsletter

Iscriviti alla newsletter per conoscere per primo le proprietà in vendita e rimanere aggiornato sulle ultime novità


  Accetto le condizioni sulla privacy
  • RICHIEDI INFORMAZIONI
Torna alla ricerca

Villa storica semi indipendente con accesso privato al mare

Ventimiglia, Corso Arturo Toscanini 
Trattativa Riservata 314 M2

DETTAGLI IMMOBILE

  • Indirizzo: Ventimiglia, Corso Arturo Toscanini
  • Prezzo: Trattativa Riservata
  • Camere: 6
  • Bagni: 6
  • M2: 314
  • ha: 4
  • Tipologia: Villa / Casa Indipendente
  • Riferimento: 4262

DESCRIZIONE

A La Mortola, a pochi chilometri dal confine con la Francia, porzione di villa di grande fascino con accesso privato al mare in contesto unico rinomato per i suoi magnifici giardini. La proprietà è composta da un appartamento di 227 mq su più livelli, da una dependance di 87 mq e da una grande terrazza con affaccio e splendida vista sul mare. L'appartamento è composto al piano giardino da un ingresso, un grande e luminoso salotto con camino e con finestre che affacciano sul giardino e sul mare, una cucina abitabile con zona pranzo, un piccolo bagno ospiti e tre camere da letto con bagno en suite. Al piano superiore troviamo un'altra camera da letto con bagno en suite; da qui una scala a chiocciola porta ad uno studio belvedere nella torretta. La dependance sottostante l'appartamento e con accesso indipendente è composta da una cucina, un living, una camera da letto, un bagno e una cantina. La grande terrazza privata è parzialmente coperta da un pergolato con zona barbecue e ha un'area solarium a picco sul mare. La proprietà dispone di un posto auto privato in prossimità del cancello di ingresso. Il giardino botanico privato di 4 ettari terrazzati scoscesi sul mare rende il contesto straordinario e unico nel suo genere. Il giardino di Villa Boccanegra è uno squisito esempio di acclimatazione di piante provenienti dai climi di tipo mediterraneo di tutto il mondo. Vanta una lunga storia che ha inizio nella prima metà del '500. Il primo importante intervento fu opera di facoltosi inglesi, grandi appassionati di piante ed amici dei vicini Hanbury. Tra il 1906 e il 1923 Ellen Willmott, ricca ereditiera e paesaggista inglese, fece costruire due riserve d'acqua, tracciò vialetti e camminamenti, piantò specie esotiche d'ogni genere, palme da datteri e un filare di eucalipti. Nel giardino si distinguono diverse zone, ognuna con un microclima diverso, da un bosco mediterraneo di lecci, cipressi e pini di Aleppo, ad una roccaglia arida di succulente, dalle piante di lavande, rosmarini e scabiose; a due oliveti; un orto e un frutteto, per finire nei terreni scoscesi sul mare lasciati alla flora spontanea. Tra le piante di maggior pregio si segnalano: Agathis robusta, Encephalartos sp., Peumus boldus, Quercus ilex, Pinus halepensis, Pinus sabiniana, Pittosporum tobira, Chamaerops humilis, Cotoneaster pannosus, il lentisco (Pistacia lentiscus), il Rhamnus alaternus. Tra i rampicanti, Jasminum heterophyllum, Senecio angulatus e Senecio deltoides, entrambi del Sud Africa, e Smilax aspera. Tra le essenze provenienti da climi aridi: Aberia caffra, seneci, Polygala myrtifolia, bulbose da clima mediterraneo, una collezione di una cinquantina di specie di aloe, molte agavi, Loxostylis alata, Eriocephalus africanus; molte rose adatte ai climi caldi, tra cui varietà di Rosa banksia, Rosa laevigata, ibridi cinesi e indiani, la rara varietà 'Sénateur Lafollette', coltivata a Cannes dal giardiniere di Lord Brougham Busby intorno al 1910.