Newsletter

Iscriviti alla newsletter per conoscere per primo le proprietà in vendita e rimanere aggiornato sulle ultime novità


  Accetto le condizioni sulla privacy
  • RICHIEDI INFORMAZIONI
Torna alla ricerca

Splendido Tabià originale a San Vito di Cadore

San Vito Di Cadore, Via Serdes 
€ 3.500.000 1.000 M2

DETTAGLI IMMOBILE

  • Indirizzo: San Vito Di Cadore, Via Serdes
  • Prezzo: € 3.500.000
  • M2: 1.000
  • Tipologia: Rustico / Casale
  • Riferimento: 2626

DESCRIZIONE

Autentico, e forse unico, esempio di architettura rurale alpina, sia per la collocazione che per la struttura, situato a Serdes, ridente località del comune di San Vito di Cadore, posta sulla destra orografica del torrente Boite, in alto alle pendici del monte Pelmo, patrimonio ideale dell'Umanità sotto l'egida dell'Unesco, in zona assolutamente integra. All' interno il legno è sovrano incontrastato: veramente uniche sono le intersecazioni delle travi che sollevano, abbassano o livellano i soffitti; incredibilmente belle le travi squadrate che fanno da piloni ai muri o quelle rotondeggianti che formano l'impalcatura del tetto.
EPOCA: La parte in legno, che comprende il piano primo, secondo e terzo, è risalente al 1600, come documenta l'incisione su una delle travi del tetto. Il piano terra, cioè la parte in sassi e calce, è probabilmente più antica ancora, stante che la parte lignea, nei secoli passati, era soggetta più facilmente ad incendi piuttosto distruttivi.
STATO DI FATTO: Al piano terra sono ubicate due stalle, una delle quali già soggetta a restauro conservativo ed adibita attualmente a taverna, entrambe con il soffitto a volto reale, come quello della chiesetta del villaggio dedicata a San Rocco, e due botteghe da falegname. Mentre i piani primo, secondo e terzo sono rimasti fienile, "taulà" cioè spazio aperto e ben areato onde raccogliere ed ammassare i vari tipi di fieno. La metà destra di tale fienile è divisa ancora a metà, ma la parte più unica, perché proprio non esiste più, è il "soraponte", cioè il portico che conduce alle due entrate.
Questo fabbricato rurale costituisce un esempio ormai perduto, perciò unico, di rara maestria e abilità sia tecnica che estetica ed è stato eseguito adoperando solo materiali indigeni: sassi, calce e legno. Questa zona è molto bella e qui sono stati previsti i parcheggi, però, volendo, questi si potrebbero spostare in un garage da costruire sotto la stradina.