ChiamaciContattaci
Villa Litta Carini

Villa Litta Carini

Galleria (39) Mappa
Indirizzo
Orio Litta, Via Montemalo
Prezzo
Trattativa Riservata
Camere
16
Bagni
16
Mq int.
11,800
ha
6,4
Tipologia
Villa
Riferimento
6435

A Orio Litta sorge quella che viene da sempre definita come una delle più belle residenze barocche della pianura padana: Villa Litta, la Versailles del Lodigiano.
La costruzione dell'edificio iniziò nella seconda metà del XVII secolo per opera del conte Antonio Cavazzi della Somaglia, che commissionò i lavori al noto architetto Giovanni Ruggeri. Fu, però, il suo erede, il pronipote Paolo Dati, che assunse il titolo di conte Antonio Cavazzi della Somaglia, ad attuare l'ampliamento del palazzo trasformandolo in una reggia maestosa destinata a luogo di villeggiatura e incontro di grandi personaggi della cultura italiana settecentesca, con importanti sale dai soffitti affrescati e giardini che si estendevano nel retro della Villa, con mosaici e ninfei sino a raggiungere un attracco per le barche sul Po. Il Palazzo restò proprietà della famiglia Cavazzi fino al 1824 quando fu venduto all'inglese Richard Holt.
Quest'ultimo insediò nella Villa una filanda, trasformando la cavallerizza in fabbrica. Nel 1847 la proprietà passò al conte Giulio Litta.
La famiglia Litta Visconti Arese portò nuovamente il palazzo agli onori della vita mondana. Dai racconti degli abitanti del paese, si apprende che la villa fu frequentata da re Umberto I, Giacomo Puccini e illustri personaggi del tempo. Nel 1897 il duca Pompeo Litta Visconti Arese vendette la proprietà a Guido Corti, che già da qualche tempo amministrava questi beni. Nel 1970 Villa Litta fu acquistata dalla famiglia Carini, che ha iniziato il recupero del palazzo. Negli ambienti della Villa si possono vedere gli splendidi affreschi attribuiti al Maggi e alla sua scuola, arredi d'epoca e l'imponente scalone d'onore. Suggestiva è la visuale che offrono i giardini terrazzati sulla campagna circostante.
Vi sembrerà di tornare indietro nel tempo non appena poserete gli occhi su questa proprietà nascosta nel verde lussureggiante del Nord Italia. La ricca storia di Villa Litta Carini iniziò nel XVII secolo, quando il famoso architetto Giovanni Ruggeri pensò ad una grandiosa residenza che avrebbe resistito al passare del tempo. Una lunga passeggiata affiancata da siepi porta allo straordinario portico Neoclassico, il quale segna l'entrata della proprietà e dà il benvenuto agli ospiti con un tono di lusso incomparabile. Due larghe ali si distendono da entrambi i lati del portico, portando la residenza ad un totale di 11,800 m2. Sul retro, diversi cortili e un giardino terrazzato incontaminato, il quale si affaccia sulla bucolica campagna, ridefiniscono l'intrattenimento all'aperto della ricca provincia lombarda. Diverse personalità importanti sono state ospiti di Villa Litta Carini ed hanno potuto godere delle sue bellezze, tra i quali Re Umberto I e Giacomo Puccini.

Servizi e Caratteristiche
Ascensore · Condizionatore · Cantina di vini · Garage · Sala da biliardo
Contattaci

Mandaci la tua richiesta, ti risponderemo in 24 ore.